Diritti Umani
Supply Chain
Ambiente
Lotta alla Corruzione
Fondatori e Partecipanti
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

a2a

telecom italia

pentapolis

a2a

terna

a2a

atlantia

unicredit

a2a

intesa san paolo

fondazione sviluppo sostenibile

enel

Ergo Italia

italcementi

Ansaldo

sofidel

a2a

gse

fondazione eni enrico mattei

snam rete gas eni

acea

a2a

a2a

a2a

Venice International University

deco industrie

cariparma

gruppo generali

sodalitas

edison

a2a

a2a

universita ca foscari venezia

Calendario
30 Nov 2016

I rappresentanti delle aziende/organizzazioni che aderiscono alla Fondazione Global Compact Network Italia con lo status di "Membri Fondatori" torneranno a riunirsi in prossimo 30 novembre (15.30 – 17.30) a Milano.

Notizie

ingranaggioCon la finalità di valorizzare, esemplificare e ampliare la conoscenza con riferimento al contributo del settore privato agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per il 2030 delle Nazioni Unite, la Fondazione Global Compact Network Italia (Fondazione GCNI) lancia il progetto: “Raccolta di esperienze e pratiche d’impresa legate agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

tempioGli ultimi mesi del 2016, vedranno la Fondazione Global Compact Network Italia (Fondazione GCNI) impegnata nella promozione dell'UN Global Compact e del GCNI o, più in generale, ad offrire il proprio contributo nell’ambito di iniziative di carattere nazionale ed internazionale organizzate da enti partner e finalizzate ad un approfondimento dei temi della sostenibilità, alla produzione di nuova conoscenza o alla condivisione di buone pratiche.

tempioNel mese di ottobre, due nuove piccole e medie imprese, Intesys Srl e Rebaioli SpA, sono entrate a far parte del Network Italiano del Global Compact coordinato dalla Fondazione Global Compact Network Italia (Fondazione GCNI).
La prima, è una Technological Digital Agency con sede a Verona. La seconda, è una società localizzata in provincia di Brescia ed è impegnata nella realizzazione di linee elettriche, torri per telecomunicazioni e impianti tecnologici in genere.

ingranaggioCon oltre 2000 partecipanti, 1.500 utenti per la diretta streaming, circa 80 relatori italiani ed internazionali, il 9 novembre a Ecomondo – Rimini fiera - si è conclusa la V edizione degli Stati Generali della Green Economy in Italia. La sessione introduttiva dell’8 novembre mattina ha visto la presentazione della Relazione sullo stato della green economy (dedicata quest’anno alle imprese italiane green attive in Europa e nel mondo) oltre ad altri autorevoli interventi e alla presenza del Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

gcniAd un anno dall’adozione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, l’UN Global Compact ha lanciato un appello alle imprese di tutto il mondo affinché collaborino con le Agenzie ONU, con i governi e con la società civile per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Il Partnership Passport è la nuova guida diffusa dall’UNGC a supporto di tutti i soggetti interessati ad attivare nuove collaborazioni per lo sviluppo sostenibile o a potenziare sotto molteplici aspetti quelle già esistenti.

gcniLa scorsa settimana il Global Compact delle Nazioni Unite ha riunito a Dubai oltre 600 leader del business, della società civile, dell’ONU e del Governo per indirizzare la consapevolezza e le azioni del business verso l’implementazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) al livello regionale. Ospitate dal Global Compact Network UAE, le quattro giornate di eventi, intitolate “Making Global Goals Local Business - Dubai”, hanno esplorato le azioni e le collaborazioni necessarie per promuovere gli SDGs al livello locale, con particolare attenzione alle aree della pace e dei diritti umani.

lenteLo scorso 26 ottobre, l’International Institute for Sustainable Development (IISD) ha lanciato a Ginevra SDG Knowledge Hub, una piattaforma digitale per la diffusione e la condivisione di informazioni, conoscenze e best practice relative agli SDGs (Sustainable Development Goals). Questo progetto verrà presentato anche attraverso un webinar il prossimo 3 novembre.

In particolare, la Piattaforma ha l’obiettivo di divulgare i propositi dei vari Stati nel percorso verso l’implementazione dell’Agenda 2030 e di comunicare in tempo reale agli interessati i progressi relativi agli SDGs.

Come affermato da Scott Vaughan – Presidente dell’IISDknowledge sharing e monitoraggio continui sono impegni necessari se si vogliono raggiungere con successo gli obiettivi dell’Agenda 2030. E, proprio in quest'ottica, è stato ideato SDG Knowledge Hub.

SDG Knowledge Hub, accessibile dal sito dell’IISD, propone all’utente di selezionare un determinato SDG, rispetto al quale la Piattaforma fornirà diversi dati di sintesi, come il numero di notizie, il numero di eventi, il numero di articoli e il numero di policy rilevati per quel dato obiettivo. Inoltre, per ogni categoria di informazioni (notizie, eventi, articoli, policy) è reso disponibile tutto il materiale fino a quel momento prodotto. Esperti dell’IISD, si occupano della selezione delle informazioni pubblicate, in qualità di partecipanti agli eventi, mentre esperti delle organizzazioni partner pubblicano gli articoli in qualità di ospiti.

Attraverso la facilità di utilizzo della Piattaforma, l’utente ha accesso immediato ad informazioni provenienti da fonti attendibili e degne di interesse relative ai passi finora fatti verso il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito http://sdg.iisd.org/ 

tempioA fine settembre, si è tenuta a Venezia la prima edizione dell’“Italian Business & SDGs Annual Forum” promossa dalla Fondazione Global Compact Network Italia in collaborazione con la VIU – Venice International University e l’Università Ca’ Foscari Venezia e con il sostegno di FriulAdria ed Edison SpA.
Il Forum ha preso avvio la sera del 25 settembre con una Networking Dinner ospitata presso la prestigiosa sede storica dell'Ateneo Ca' Foscari sul Canal Grande. La successiva giornata di lavoro, tenutasi presso la VIU sull’isola di San Servolo, si è strutturata in due sessioni. La prima sessione era finalizzata ad un brainstorming coordinato sul potenziale contributo del settore privato al raggiungimento dei Sustainable Development Goals - SDGs delle Nazioni Unite per il 2030 ed alla raccolta di esperienze, idee e proposte progettuali orientate in tale direzione. La seconda sessione è stata dedicata, invece, ad un approfondimento sul ruolo che la Fondazione GCNI è chiamata a giocare nei prossimi anni al fine di sostenere lo sforzo delle imprese sui nuovi global goals per lo sviluppo sostenibile.

Con riguardo al tema “Come può il settore privato supportare l’implementazione degli SDGs?”, in occasione del Forum è emersa primariamente l’esigenza di affiancare ai percorsi realizzati singolarmente dalle aziende sugli SDGs nuove forme di partnership che coinvolgano tutti gli attori dello sviluppo sostenibile in modo coordinato e mettendo a frutto le specificità di ciascuno (SDG 17 - “Partenariato Globale” tra imprese, Governi ed amministrazioni locali, comunità, ONG, università e centri di ricerca). Più in particolare, i partecipanti hanno manifestato la convinzione che si debba favorire nell’immediato futuro il potenziamento dei rapporti tra imprese e società civile guardando a forme di progettualità condivisa che superino la logica della pura filantropia e sponsorizzazione. I rapporti collaborativi tra imprese e società civile si dovranno basare, in futuro, sul knowledge sharing e sullo sforzo condiviso tra gli attori della partnership di raccontare all’esterno l’impatto sociale ed il valore della propria azione congiunta. In quest’ottica, le associazioni presenti al Forum hanno rivolto alle imprese anche uno specifico invito a superare la stakeholder consultation per dare spazio a nuove e più efficaci modalità di engagement spingendosi fino all’ipotesi di una compartecipazione degli stakeholder ai processi produttivi aziendali.

Spostando il focus dall’idea di un “nuovo partenariato globale” per gli SDGs a quella dell’impresa come attore principale dello sviluppo sostenibile, la prima edizione del Forum ha registrato le seguenti priorità per i prossimi anni: - garantire il coinvolgimento dei Vertici aziendali sugli SDGs e promuovere l’adozione di sistemi di valutazione del management connessi agli obiettivi di sviluppo sostenibile; - diffondere all’interno dell’azienda ed all’esterno di questa (nell’ambito della propria sfera di influenza) una cultura condivisa sulla sostenibilità tramite iniziative di educazione, sensibilizzazione ed awareness building; - favorire l’integrazione della sostenibilità nelle strategie di business ed innovazione mediante l’adozione, da parte dell’azienda, di un approccio di medio-lungo termine agli SDGs che includa come ambiti rilevanti anche quelli della catena di fornitura e della filiera di consumo; infine, portare avanti un’azione di advocacy presso le Istituzioni per l’introduzione di nuove norme a sostegno dell’impegno per la sostenibilità del settore privato (come, ad esempio, norme istituenti meccanismi di agevolazione e/o incentivo a supporto della produzione di beni e servizi sostenibili sul piano ambientale).
In questo quadro e sulla base degli esiti del Forum, il ruolo che la Fondazione Global Compact Network Italia è chiamata a giocare nei prossimi anni è quello di ente promotore di informazione e nuova conoscenza sugli SDGs e di facilitatore del dialogo istituzionale sui temi della sostenibilità, continuando a caratterizzarsi come iniziativa di respiro internazionale nell’ambito della quale secondo un approccio multi-stakeholder si cercano e sperimentano soluzioni innovative per le sfide globali dello sviluppo sostenibile. Nel far ciò, particolare attenzione dovrà essere riservata alle PMI italiane che pur restando ai margini dei mainstream sulla sostenibilità si caratterizzano come importante risorsa di cambiamento al livello nazionale ed internazionale.

Per un approfondimento sugli esiti dell’iniziativa, scarica il Report del Forum

lenteAnche quest'anno tornano gli Stati Generali della Green Economy, in programma a Rimini l'8 e il 9 novembre nell'ambito di Ecomondo, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 64 associazioni di imprese green, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico e con il supporto della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.
I lavori si apriranno l'8 novembre mattina con la sessione plenaria e la presentazione della "Relazione sullo stato della green economy 2016 - L'Italia in Europa e nel mondo" alla presenza confermata del Ministro dell’ambiente Gian Luca Galletti. Seguiranno nel pomeriggio le 5 sessioni parallele di approfondimento sui seguenti temi: proposte per una nuova strategia energetica nazionale al 2030 dopo l’Accordo di Parigi; il pacchetto di direttive sull’ economia circolare; il made green in Italy nell’agroalimentare; l’Agenda 2030 ed il reporting non finanziario delle imprese (sessione co-organizzata dalla Fondazione Global Compact Network Italia); green bond e altri strumenti finanziari per una green economy. I lavori si concluderanno il 9 novembre mattina con la sessione plenaria dedicata al tema "Le città: driver della green economy" alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

Molte le novità di questa quinta edizione, a partire dalla Relazione sullo stato della green economy 2016 che quest'anno propone un confronto internazionale ed europeo sulla green economy italiana. La prima parte è dedicata all’Europa con una valutazione comparata fra le performance dell’Italia, la media europea e quella delle altre 4 economie più importanti. La seconda parte della Relazione contiene, invece, un approfondimento internazionale relativo alla green economy italiana, realizzato dal centro di ricerca “Dual Citizen” di Washington DC su ben 80 paesi, elaborando una graduatoria sia delle performance della green economy sia della percezione registrata da un numero qualificato di esperti. La terza parte fornisce un aggiornamento dei progressi della green economy a livello internazionale con dati OCSE, con i risultati del Rapporto internazionale “State of green business 2016”, realizzato da GreenBiz e con dati aggiornati sulle politiche climatiche dopo l’Accordo di Parigi.

Per visualizzare il programma dettagliato della due giorni cliccare il seguente link

La partecipazione agli Stati Generali è gratuita. Di seguito le indicazioni utili per procedere all’iscrizione online, entro il 7 novembre:
• Accedere alla pagina di registrazione http://www.statigenerali.org/partecipa/
• inserire il codice: F5STG
• completare i passaggi e stampare il biglietto gratuito per l'ingresso in fiera, evitando le code alle casse

tempioASviS, Fondazione Global Compact Network Italia, SDSN Italia alleate nel promuovere azioni per la realizzazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Con la presentazione di ieri alla Camera dei Deputati del Rapporto ASviS “L’Italia e gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile”, che fa il punto sull’impegno italiano rispetto agli accordi sottoscritti con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, si concludono tre giornate di approfondimento sui temi legati agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) promosse da ASviS (Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile), da Fondazione Global Compact Network Italia (lo snodo italiano del Global Compact Network delle Nazioni Unite) e da SDSN Italia (l’hub italiano del Sustainable Development Solution Network delle Nazioni Unite).

I tre appuntamenti di confronto sono iniziati lunedì 26 settembre a Venezia con la prima edizione dell'"Italian Business & SDGs Annual Forum", iniziativa rivolta principalmente alle imprese italiane impegnate nel raggiungimento degli SDGs, allargata anche a diverse organizzazioni non-business che giocano un ruolo rilevante nella promozione dello sviluppo sostenibile. Il Forum, promosso dalla Fondazione GCNI in collaborazione con la Venice International University e l'Università Ca’Foscari di Venezia, si è caratterizzato come nuovo laboratorio di riflessione sul ruolo che gli attori economici possono giocare a supporto dei global goals 2030 e si è contraddistinto per un approccio multi-stakeholder ai temi e per l’adozione di una metodologia di lavoro innovativa (OST).

Martedì 27 settembre a Milano si è svolto il convegno internazionale “Analytical Tools and Methods to Evaluate Impacts of Public Policies on Sustainable Development Goals”, organizzato da Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) e da SDSN Italia (di cui FEEM è hosting institution).
Il convegno, che ha coinvolto esperti internazionali nel campo dei modelli e strumenti di ricerca nell’ambito della valutazione e misurazione integrata, ha offerto una sintesi sui principali risultati ottenuti dalla ricerca in questi ambiti di studio, in particolare sugli strumenti utili a valutare ruolo e impatti delle diverse policy per il raggiungimento degli Obiettivi di Sostenibilità.

Questi tre eventi rappresentano le prime azioni concrete realizzate da ASviS, Fondazione GCNI e SDSN Italia a seguito della firma del Memorandum of Understanding (MoU) avvenuta a Roma lo scorso 13 settembre.

Il MoU, sottoscritto da Pierluigi Stefanini, Presidente dell’ASviS, Marco Frey, Presidente della Fondazione GCNI e Sabina Ratti, Co-Chair di SDSN Italia, impegna le parti a collaborare per promuovere a livello nazionale l’implementazione dell’Agenda 2030 e dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Nell’ottica di rispondere all’appello delle Nazioni Unite sui partenariati per lo sviluppo sostenibile e consapevoli di poter giocare ruoli complementari e sinergici, le tre organizzazioni firmatarie del MoU collaboreranno per sensibilizzare tutte le componenti istituzionali, economiche e sociali operanti sul territorio nazionale al fine di favorire azioni in grado di contribuire al perseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, con particolare riferimento alle politiche pubbliche, al ruolo delle imprese e del mondo della ricerca.

I prossimi mesi, quindi, si caratterizzeranno per una intensa azione sinergica tra le Parti orientata sulla base dello specifico ambito di azione ad obiettivi comuni e per l’impegno a valorizzare, anche in ambito internazionale, i risultati e gli impatti della neonata partnership per la sostenibilità.

L’Agenda 2030 è un “programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità” sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU con l’obiettivo di promuovere e indirizzare il compimento di quei “passi audaci e trasformativi che sono urgentemente necessari per portare il mondo sulla strada della sostenibilità e della resilienza”. Essa ingloba 17 Sustainable Development Goals (SDGs) e 169 target per il raggiungimento dei quali le Nazioni Unite richiamano esplicitamente la necessità di un’azione congiunta tra istituzioni pubbliche, società civile e mondo del business operanti in tutti i Paesi del mondo.


29 settembre 2016



L’ASviS nasce a febbraio del 2016, su iniziativa della Fondazione Unipolis e dell’Università di Roma “Tor Vergata”, per far crescere nella società italiana, nei soggetti economici e nelle istituzioni la consapevolezza dell’importanza dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile e per mobilitarla allo scopo di realizzare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. L’Alleanza riunisce attualmente circa 130 tra le più importanti istituzioni e reti della società civile.

La Fondazione GCNI nasce nel 2013, dopo una decennale attività come Network informale, con lo scopo primario di contribuire allo sviluppo dell’UN Global Compact in Italia attraverso un programma focalizzato sui temi della sostenibilità e responsabilità d’impresa. Dal 2013, hanno aderito alla Fondazione più di 40 soggetti business e non-business attivi al livello nazionale (il 62% sono grandi imprese). La Fondazione è altresì impegnata nel sostegno ai nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite ed è promotrice dell’“Italian Business and SDGs Annual Forum”.

SDSN Italia nasce a marzo del 2016 ed è lo snodo italiano del Sustainable Development Solution Network delle Nazioni Unite (UN SDSN). SDSN Italia ha l’obiettivo di mobilitare il mondo scientifico perché sostenga, promuova e contribuisca a costruire con imprese e istituzioni soluzioni concrete sulle diverse problematiche legate allo sviluppo sostenibile. SDSN Italia ha come istituzione ospitante la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM) e opera sotto l’egida di SDSN Mediterranean, il Regional Network per l’Area del Mediterraneo che attualmente riunisce oltre 50 centri di ricerca ed università, tra le maggiori eccellenze scientifiche dell’Area nell’ambito dello sviluppo sostenibile.

tempioIl prossimo 26 settembre si terrà a Venezia, sull’Isola di San Servolo, l’“Italian Business & SDGs Annual Forum” promosso dalla Fondazione Global Compact Network Italia (Fondazione GCNI) in collaborazione con la VIU – Venice International University e l’Università Ca’ Foscari di Venezia e con il sostegno di FriulAdriaed Edison SpA.

Il Forum riunirà aziende di tutte le dimensioni, provenienti da vari settori produttivi purchè impegnate, o intenzionate a farlo, nell’implementazione dell’Agenda per il 2030 delle Nazioni Unite. Parteciperanno, inoltre, rappresentanti delle Istituzioni, della società civile, di enti accademici e di ricerca.

L'incontro è concepito come importante occasione per un confronto multi-stakeholder sul ruolo che il settore privato è chiamato a giocare a supporto del raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile(SDGs) delle Nazioni Unite per il 2030. Il focus sarà approfondito mediante l’identificazione e la condivisione di: esperienze e conoscenze, questioni d’interesse, argomenti di discussione, esigenze di approfondimento, indirizzi progettuali.

lenteIl Network, che oggi raccoglie i CSR manager di oltre 100 aziende, è diventato il rappresentante per l’Italia del World Business Council for Sustainable Development (WBCSD) Global Network, la rete costituita da oltre 60 organizzazioni di imprese nel mondo, unite nell’impegno per promuovere lo sviluppo sostenibile presso la business leadership dei rispettivi paesi.

I Dieci Principi
I
Principio I: Alle imprese è richiesto di promuovere e rispettare i diritti umani universalmente riconosciuti nell'ambito delle rispettive sfere di influenza; e di
II
Principio II: assicurarsi di non essere, seppure indirettamente, complici negli abusi dei diritti umani.
III
Principio III: Alle imprese è richiesto di sostenere la libertà di associazione dei lavoratori e riconoscere il diritto alla contrattazione collettiva;
IV
Principio IV: l'eliminazione di tutte le forme di lavoro forzato e obbligatorio;
V
Principio V: l'effettiva eliminazione del lavoro minorile;
VI
Principio VI: l'eliminazione di ogni forma di discriminazione in materia di impiego e professione.
VII
Principio VII: Alle imprese è richiesto di sostenere un approccio preventivo nei confronti delle sfide ambientali; di
VIII
Principio VIII: intraprendere iniziative che promuovano una maggiore responsabilità ambientale; e di
IX
Principio IX: incoraggiare lo sviluppo e la diffusione di tecnologie che rispettino l'ambiente.
X
Principio X: Le imprese si impegnano a contrastare la corruzione in ogni sua forma, incluse l'estorsione e le tangenti.

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.