Il 25 settembre 2015, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, alla quale hanno preso parte oltre 150 leader provenienti da tutto il mondo, ha adottato l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, la quale si articola in 17 obiettivi – i Sustainable Development Goals (SDGs) – e 169 sotto-obiettivi (target).

Gli SDGs, ed i relativi target, indicano le priorità globali per il 2030 e definiscono un piano di azione integrato per le persone, il pianeta, la prosperità e la Pace.

A supporto del raggiungimento dei nuovi obiettivi globali, l’Agenda 2030 fornisce oltre 200 indicatori per la valutazione delle performance di sostenibilità di tutti gli attori coinvolti nel processo di cambiamento mondiale.  

 “La nuova Agenda è una promessa da parte dei leader a tutte le persone in tutto il mondo.
È un’Agenda per le persone, per sradicare la povertà in tutte le sue forme, 
un’Agenda per il pianeta, che è la nostra casa” .
Ban Ki Moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite.

 

L’Agenda 2030 ha sostituito i Millennium Development Goals (MDGs), adottati nel settembre del 2000 da 193 Paesi e raggiunti solamente in modo parziale.

img1 mdgs sdgs

Gli SDGs si differenziano notevolmente dai MDGs, principalmente su due aspetti:

- in primo luogo, gli SDGs si rivolgono a tutti gli Stati, a prescindere dal livello di sviluppo da questi raggiunto, a differenza degli MDGs, che erano destinati esclusivamente ai PVS.

“Questi obiettivi globali, se adottati e poi implementati, rappresenteranno un cambiamento sostanziale nel modo in cui il mondo affronta la povertà. A differenza dei MDGs, gli SDGs saranno
in grado di ottenere dei risultati per tutti, e non solo per i PVS
,
anche se il focus centrale resterà la lotta alla povertà.”

Helen Morton, Post - 2015 Global Lead, Save the Children

 

- inoltre, mentre gli MDGs sono stati “imposti” dalle Nazioni Unite agli Stati, gli SDGs sono stati definiti su base allargata, ossia attraverso la compartecipazione degli Stati ONU ai lavori di creazione degli obiettivi stessi. Questa modalità ha garantito un consenso diffuso rispetto ai nuovi obiettivi globali.

“Ho seguito l’intero processo di consultazione con gli stakeholder, e non ho mai visto qualcosa del genere. Tutti coloro che erano interessati a dar voce alle proprie opinioni, sono stati invitati a farlo. Ci aspettiamo quindi un forte impegno e coinvolgimento da parte di tutte le regioni e di tutti i settori.”
Lise Kingo, Executive Director, UN Global Compact.

 

I nuovi obiettivi per il 2030, pur essendo indirizzati a diverse categorie di attori – governi e istituzioni, società civile, organizzazioni no profit – intendono essere una spinta soprattutto per il mondo del business. L’era SDGs riconosce alle aziende un ruolo chiave e determinante per lo sviluppo sostenibile. A tutte le imprese, di qualunque dimensione settore e localizzazione geografica, è richiesto un approccio fortemente proattivo allo sviluppo sostenibile per i prossimi 15 anni, attraverso lo sviluppo di nuovi modelli di business responsabile, gli investimenti, l’innovazione, il potenziamento tecnologico e l’azione in partnership.

img2 imprese sdgs


>> Per un approfondimento sul tema Business & SDGs, clicca qui

 

SDG17: PARTENARIATO GLOBALE

ico 17Dalla natura particolarmente sfidante di questi obiettivi, la loro attuazione rende necessaria una stretta collaborazione tra governi, imprese e società civile. In quest’ottica, l’SDG 17 mostra la strada e la modalità per un’efficace implementazione degli altri 16 obiettivi: Partnership for the goals, ovvero un’azione sinergica, collaborativa e proattiva da parte di tutti gli attori dello sviluppo sostenibile.

 

img3 partenariatoglobale

 

 

 

Condividi
Calendario
18 Mag 2017

Il prossimo 18 maggio terrà, a Milano, la seconda edizione del Business&SDGs High Level Meeting, iniziativa promossa dalla Fondazione Global Compact Network Italia per favorire un confronto di altissimo livello, nell’ambito del settore business, su strategie e politiche a supporto dei Sustainable Development Goals (SDGs) delle Nazioni Unite per il 2030. L’incontro aprirà alle ore 10.30 per chiudere alle ore 13.30 sarà ospitato da Edison in Foro Buonaparte, 31.

Fondatori e Partecipanti

a2a

gse

pentapolis

Ansaldo

a2a

Venice International University

bnl

Ergo Italia

bnl

gruppo generali

fondazione eni enrico mattei

edison

snam rete gas eni

a2a

a2a

intesa san paolo

a2a

sofidel

fondazione sviluppo sostenibile

deco industrie

enel

a2a

universita ca foscari venezia

sodalitas

atlantia

bnl

italcementi

cariparma

a2a

a2a

a2a

unicredit

terna

acea

telecom italia

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.